Archivi tag: archeologia

Comunicare un restauro [Lo stai facendo nel modo sbagliato]

Standard

Al Louvre hanno (in ordine sparso e certamente non esaustivo):

– deciso di restaurare la Nike;
– trovato gli sponsor e lanciato una campagna di crowdfunding mondiale –>http://www.louvresamothrace.fr/fr/#/remerciements;
– allestito un sito in cui comunicare tappa per tappa le operazioni di restauro in francese, inglese e giapponese –> http://www.louvresamothrace.fr/fr/#/etape;
– documentato il restauro con video non banali e fatti come Zeus comanda –>http://www.louvresamothrace.fr/fr/#/presentation;
– non c’è scritto da nessuna parte ma presumo che restauratori, studiosi e comunicatori siano stati tutti pagati e non ci siano tirocinanti o volontari ultratrentenni.

Applausi a loro.
Noi continuiamo pure a ripetere che “la cultura è il petrolio dell’Italia”, “l’Italia possiede millemila opere d’arte che il mondo ci invidia”, “nessuna nazione al mondo possiede più opere dell’Italia e gne gne gne”.
Anche se mi meraviglio, però, che ancora nessuno sia spuntato a rimarcare wannamarchianamente che di certo tra i restauratori ci sono degli italiani perché “L’Italia è l’ECCELLEEEEEENZA del restauro mondiale!”

Il primato italiano io lo vedrei pure nel modo in cui, per esempio, si affronta mediaticamente un’operazione analoga come il restauro del Colosseo (tralasciando polemiche, TAR, ricorsi e annessi e connessi perché di telenovelas magari parliamo un’altra volta).
Esiste in rete questo sitarello in cui gli “Amici del Colosseo” ci raccontano –  nel 2012 – cosa di bello intendono fare con/per/insieme a/nonostante l’Anfiteatro Flavio. Poi non ci hanno aggiornato più e meno male che sono amici, disciamo.
Sul sito della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, invece, un piccolo banner sulla colonna destra rimanda ad una pagina dedicata al suddetto restauro, che non ha un corrispettivo in inglese ed è aggiornata al 2011. Insomma, archeologia pure qui.
Il Mibact dal canto suo ha in rete due sezioni definite “Restauri in corso” e “Restauri in evidenza“, il che mi fa sospettare che il Colosseo non sia ontologicamente riconducibile a nessuna delle due cose perché non ne vedo traccia. Poi magari da qualche parte una sezione dedicata c’è, eh.
Però ecco se ci fossero dei tag sarebbe più semplice trovare informazioni ma, come di certo saprete, qua in Italia siamo medievisti mica informatici e la tassonomia non la possiamo esercitare né tantomeno pretendere.
Pax vobis.

nike

Annunci

Il Parco Archeologico di Metaponto sommerso dalla pioggia: le foto

Standard

“Le piogge abbondanti dei giorni passati e lo straripamento delle acque del fiume Bradano” – spiega Ada Preite, segretario della sezione Basilicata dell’Associazione Nazionale Archeologi – “hanno provocato l’inondazione dell’intera area. Oggi restano visibili solo gli alzati di restauro del Tempio di Hera e dell’Ekklesiasterion/Teatro, mentre totalmente sommersi dalle acque sono i resti di tutti gli altri edifici pubblici, quali i templi di Apollo Lykaios, di Artemis e di Atena, e dei quartieri abitativi e produttivi. Un disastro che si ripete per la terza volta in circa cinque anni”

Metaponto sommersa

Il Parco Archeologico di Metaponto sommerso
Foto di Nunzia Armento 8.10.2013

Metaponto sommersa

Parco archeologico dell’area urbana di Metaponto. Alzato di restauro del Tempio di Hera e area sommersa
Foto di Ada Preite 10.10.2013

Metaponto sommersa

Parco archeologico dell’area urbana di Metaponto. Alzato di restauro del Tempio di Hera e area sommersa
Foto di Ada Preite 10.10.2013

Metaponto sommersa

Parco archeologico dell’area urbana di Metaponto. Ekklesiasterion/Teatro e area sommersa
Foto di Ada Preite 10.10.2013

Metaponto sommersa

Parco archeologico dell’area urbana di Metaponto. Ekklesiasterion/Teatro e area sommersa
Foto di Ada Preite 10.10.2013

ebook: Twenty years after Malta: preventive archaeology in Europe and in Italy

Standard

malta_archeologia_preventiva

 

 

“Twenty years after Malta: preventive archaeology in Europe and in Italy”, Atti del convegno svolto a Roma il 19 ottobre 2012 [PDF]

Scaricabile qui: http://online.ibc.regione.emilia-romagna.it/I/libri/pdf/twenty_years_after_malta_26_09_2013web.pdf

ebook: New Eyes on the Old World

Standard

Esri-e-book

Il GIS ci aiuta a capire il passato mentre si prepara per il futuro.
Gli archeologi, gli storici, e i responsabili delle risorse culturali comprendono l’importanza della geografia. Le sue variabili esercitano una forte influenza sul comportamento umano oggi, proprio come è successo nel passato. La Geografia influenza anche il grado in cui i siti storico-archeologici sono esposti all’impatto delle attività umane e delle forze naturali.

Il GIS facilita la mappatura per analizzare i modelli deposizionali, la catalogazione e quantificazione delle risorse culturali, fornendo uno strumento descrittivo e analitico ben strutturato per l’identificazione di modelli spaziali.

Non solo, il GIS è anche uno strumento prezioso per la protezione e la salvaguardia delle risorse culturali da trasmettere al futuro.

Nell’ e-book New Eyes on the Old World scaricabile gratuitamente qui, la ESRI illustra alcuni casi campione su questo tema.

(Fonte Esri)

http://www.esri.com/library/ebooks/new-eyes-on-the-old-world.pdf

I professionisti della cultura si appellano a Bray: “Vogliamo riconosciuta la nostra professionalità”

Standard

Archeologi, archivisti, bibliotecari, diagnosti e storici dell’ arte si appellano al Ministro Bray e chiedono urgentemente un incontro per esporre le proprie motivazioni e sostenere la proposta di legge che in questi giorni è in esame presso la Commissione Cultura della Camera.
Il codice dei beni culturali attualmente riconosce solo i restauratori mentre la proposta di legge, il cui primo testo risale ormai al 2008, restituirebbe dignità a tutti quei profili tecnico scientifici che ogni giorno operano, in un mercato del tutto privo di regole e motore inesauribile di precarietà, per la tutela e la fruizione del nostro patrimonio.

In allegato l’appello al ministro Bray: http://www.archeologi.org/public/appello_Bray.pdf

 

 

 

 

 

AL MINISTRO DEI BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

E DEL TURISMO

ON. MASSIMO BRAY

ROMA

Onorevole Ministro,

le scriventi Associazioni desiderano porre alla Sua attenzione alcune considerazioni circa la proposta di legge Madia, Ghizzoni, Orfini (a. c. n. 362, Modifiche al codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, in materia di professioni dei beni culturali), in corso di esame alla Commissione Cultura Camera dei Deputati.

La proposta di legge, il cui primo testo fu presentato nell’agosto del 2008 a seguito della prima Manifestazione Nazionale degli Archeologi (giugno 2008), scaturisce dopo anni di tentativi, in gran parte falliti, di porre rimedio al mancato riconoscimento delle professionalità tecnico-scientifiche che operano nell’ambito della tutela, ma che non sono riconosciute, a differenza di quelle con albi e ordini (ingegneri, architetti, geologi, fisici ecc.).

Già dal 2008, prima ancora della presentazione del testo, i firmatari della proposta e il Dipartimento Cultura del PD avviarono un lungo percorso di confronto e di dialogo con i vari soggetti interessati e con tutte le associazioni rappresentative del settore (archeologi, archivisti, bibliotecari, diagnosti, restauratori, storici dell’arte), un confronto rivelatosi per tutti tanto impegnativo quanto fruttuoso.

La proposta di legge propone di emendare il Codice dei Beni culturali e del Paesaggio (D. Lgs. 42/2004), inserendo all’interno del testo le figure dei professionisti dei beni culturali, tra i quali gli archeologi e gli storici dell’arte. Tramite l’emendamento si dispone che gli interventi di tutela, vigilanza, ispezione, protezione, conservazione dei beni culturali nonché quelli relativi alla loro fruizione siano affidati alla responsabilità o alla diretta attuazione dei professionisti dei beni culturali secondo le specifiche competenze.

Inoltre vengono istituiti presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali registri nazionali per tali professionisti.

I registri vengono tenuti dal Ministero assieme alle associazioni professionali individuate ai sensi dell’articolo 26 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206 e/o della legge del 14 gennaio 2013, n.4. In sostanza la legge, nella sua ultima formulazione del marzo scorso, recepisce la recentissima normativa in materia di professioni non organizzate.

    La sua approvazione consentirebbe a decine di migliaia di professionisti qualificati (archeologi, archivisti, bibliotecari, diagnosti, storici dell’arte), che da troppi anni operano in condizioni di estrema precarietà e che pure contribuiscono in maniera decisiva ai processi di tutela e valorizzazione dello straordinario patrimonio culturale italiano, di vedere riconosciuta la propria professionalità, la propria competenza, la propria passione. Il tutto avverrebbe per di più senza alcun onere per lo Stato!

 Tra i requisiti sufficienti, ma non necessari, per l’iscrizione nei registri è prevista la certificazione professionale effettuata dalle rispettive associazioni professionali, individuate come rappresentative ai sensi dell’articolo 26 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206 o della legge del 14 gennaio 2013, n. 4 (Disposizioni in materia di professioni non organizzate).

In passato si è tentato di perseguire un albo di archeologi, storici dell’arte, archivisti e bibliotecari (promosso anche da assotecnici, disegno di legge n. 2676, Legislatura 13ª, A. S. Mele, Pelella et alii, che non riuscì ad approdare alla Camera per la fine della legislatura) ma oggi non sarebbe più attuale questa soluzione, in un’evoluzione del quadro comunitario, che vede l’introduzione di meccanismi di riconoscimento delle qualifiche professionali e di piattaforme comuni (EQF) su tutto il territorio europeo.

A questo proposito l’approvazione delle legge 14 gennaio 2013 (Disposizioni in materia di professioni non organizzate) rende ancora più urgente l’intervento del Ministero per fissare i criteri minimi per i requisiti di iscrizione nei registri e la loro tenuta.

L’utilizzo dei registri ripercorre la strada già intrapresa dalla legge sull’archeologia preventiva (D. Lgs.163/2006, artt. 95 ss), che infatti istituisce un elenco interno al Ministero (senza valore di albo, così come i registri – gli albi sono tenuti infatti soltanto dal Ministero della Giustizia). L’istituzione dell’elenco per l’archeologia preventiva ha già brillantemente superato il vaglio sia del Consiglio di Stato che del Ministero della Giustizia, consentendo l’istituzione dell’elenco per gli specialisti archeologi all’interno del Ministero, seppur non in via esclusiva.

Si ribadisce inoltre l’importanza che il Ministero fissi i criteri minimi per le professionalità non regolamentate nel settore della tutela, davanti al proliferare nel mercato esterno dell’esercizio di tali attività, anche in assenza di tali requisiti finora non richiesti, mentre il MIUR dovrà provvedere al riordino delle classi di laurea, tenendo presente le necessità prospettate in tale campo dall’Amministrazione dei beni culturali.

E’ inoltre fondamentale che venga fissato un termine entro cui il Ministero emani i decreti attuativi per ogni professione, per evitare il ripetersi quanto già successo per i restauratori, che tra l’altro sono l’unica professione citata nel Codice, circostanza che costituisce un gap singolare nel rapporto con le altre professioni non regolamentate, che non vengono neanche nominate.

Confidando nel Suo autorevole intervento e nella Sua sensibilità, chiediamo un incontro alla S. V. per presentare in maniera più estesa le considerazioni qui sopra esposte.

 

 

 

 

Con osservanza.

3.07.2013

Associazione Nazionale Archeologi

Associazione Nazionale Storici Arte

Associazione Nazionale Tecnici per i beni culturali e ambientali

Confederazione Italiana Archeologi

Il progetto di pedonalizzazione dei Fori Imperiali

Standard

Dagli sventramenti per aprire via dell’Impero al progetto di pedonalizzazione: quasi cent’anni in 850 metri di strada

Durante la sua campagna elettorale Ignazio Marino aveva inserito tra i punti forti del suo programma la pedonalizzazione dei Fori Imperiali, preludio alla creazione del grande parco archeologico voluto da Ernesto Nathan, Antonio Cederna e Luigi Petroselli.
Cavallo di battaglia di un nutrito numero di candidati prima di lui e ciclicamente rispolverata nel corso degli anni da tecnici che ne hanno valutato la fattibilità, ma soprattutto da vari esponenti politici con il malcelato obiettivo di fare puramente notizia, la chiusura al traffico della strada è argomento che ben si presta a scatenare istantaneamente polemiche: da una parte i sostenitori della valorizzazione – termine orribile – affiancati dagli ambientalisti (molto utile risulta il dossier di Legambiente Lazio sul tema), dall’altra gli alfieri della modernizzazione della rete di trasporti romana, peraltro già protagonista di quotidiani collassi.
All’indomani dell’elezione il nuovo sindaco di Roma ha ripreso immediatamente la questione, dichiarando alla trasmissione radiofonica “Un Giorno da Pecora” su Radio2 che il 15 agosto pedonalizzerà i Fori Imperiali.
Perché proprio il 15? Perché così non se ne accorge nessuno. Il 14 ci farò un giro con la mia Panda rossa e il giorno dopo pedonalizzeremo“.

via del foro romano

Via del Foro romano, chiusa da Luigi Petroselli per
completare la continuità dell’area archeologica dal Colosseo al Campidoglio.
Foto Archivio Riccardi ©

Demolire Roma per costruire la via dell’Impero
Com’è noto, la via dell’Impero fu aperta nel Ventennio spianando acriticamente, collina Velia compresa, tutto quanto si frapponesse all’ideale ricongiungimento tra la valle del Colosseo e la nuova piazza Venezia, in quella che Cederna definì “la triturazione di secoli di antichità stratificate“. Per ottenere la nuova passerella privilegiata per le parate militari, infatti, si procedette alla demolizione di «avanzi di dimore private estremamente ricche con portici e fontane, a partire dal penultimo secolo della repubblica; grandiose costruzioni in opera incerta conservate per tre piani di altezza; fondazioni colossali della Domus Aurea con straordinari pavimenti in paste vitree; sul versante del Colosseo, avanzi di una lunga strada lastricata scandita da file di taberne e da un poderoso muro di terrazzamenti ornato da nicchie; sul versante del Foro della Pace, resti di una fastosa costruzione del primo secolo con criptoportici e ninfei fin sulla sommità dell’altura (il braccio di uno di questi criptoportici, riattivato e ornato nel Rinascimento con lacunari in stucco e stemmi medicei). E cataste di marmi antichi, ammucchiati nel medioevo allo scopo di farne calcina».
Come ebbe a dire anche Lorenzo Quilici: «per avere un’idea delle devastazioni, è come se noi oggi tracciassimo una strada trasversalmente al Palatino sbancando tutto quello che si incontra, partendo dal terrazzamento severiano a specchio del Circo Massimo o dalla fronte della Domus Augustana».
La strada attuale va immaginata alla stregua di una passerella rialzata che divide quanto fino al 1932 era invece un unico tessuto urbano, pluristratificato e, soprattutto, abitato da migliaia di persone che furono sbattute fuori dalle proprie case e variamente ricollocate nelle nascenti borgate.
Per capire l’azione del piccone demolitore è molto interessante consultare il canale YouTube dell’Istituto Luce, che contiene una raccolta di cinegiornali chiamata appunto “Il piccone demolitore e risanatore della Roma fascista” che ricostruisce il progetto di Mussolini per la nuova Roma.

Il progetto di pedonalizzazione dei Fori Imperiali
La nuova proposta, si diceva: l’obiettivo è quello di procedere entro i primi 100 giorni di mandato, come riportato nel programma ufficiale della Lista Marino, alla chiusura al traffico e alla pedonalizzazione del tratto di via dei Fori Imperiali compreso tra via Cavour, angolo Largo Corrado Ricci, e piazza del Colosseo. Dopo l’intervento, lungo quel tratto di via dei Fori Imperiali transiteranno solo mezzi di trasporto pubblico, pedoni e biciclette.
L’attuazione di questa prima fase della pedonalizzazione vedrà l’installazione di un nuovo varco Ztl su via Cavour, in corrispondenza di via degli Annibaldi, cosa che consentirà anche di ampliare la Ztl alla porzione del rione Monti che oggi ne rimane esclusa, ovvero l’area compresa tra via Cavour, via dei Fori Imperiali e via degli Annibaldi, ovvero la strada che conduce da Monti al Colosseo.
Il traffico privato verrà indirizzato lungo l’itinerario via Cavour, via degli Annibaldi, via Nicola Salvi, mentre chi proviene dal vicino quadrante Piramide-Aventino verrà deviato su via Labicana. In questo modo, secondo gli autori del progetto, i mezzi di trasporto potranno continuare comunque a dirigersi sia verso l’Aventino che in direzione San Giovanni.
Per completare il progetto sarà necessario anche fluidificare tutti gli itinerari alternativi, attraverso il coordinamento dei semafori e altri piccoli interventi sulla viabilità, favorendo nondimeno il presidio sistematico e il controllo da parte della Polizia Municipale.

pedonalizzazione Fori Imperiali

Critiche, alternative, appoggi entusiastici
Un argomento così sottile provoca chiaramente la ricaduta di quantità importanti di commenti.
I professionisti dell’Associazione Nazionale Archeologi hanno salutato positivamente l’iniziativa e attendono “con trepidazione l’istituzione del parco archeologico urbano più grande al mondo“; Legambiente, già promotrice di una raccolta firme in favore della pedonalizzazione, definisce “ottima notizia” la prima uscita del neosindaco sul tema; blog d’opinione rilevanti sul territorio romano hanno fornito ipotesi alternative e su alcuni forum fioriscono critiche e perplessità.

L’unico ad avere le idee chiare in questo momento sembra essere, ça va sans dire, il mitico Arfio:

arfio_marchini

Approfondimenti

Due mostre hanno raccontato la genesi di via dei Fori Imperiali:

L’invenzione dei Fori Imperiali. Demolizioni e scavi: 1924-1940 (Palazzo Caffarelli, 23/07 – 23/11/2008) e

Via dell’Impero. Nascita di una strada (Palazzo Caffarelli, 23/07 – 20/09/2009)

Bray: entrata gratuita nei musei statali anche ai minori extracomunitari

Standard

Una circolare del segretario generale del MiBAC ha comunicato che l’Ufficio Legislativo ha proposto un’interpretazione normativa che consente l’accesso gratuito ai luoghi della cultura anche ai minori extracomunitari.

La limitazione ai soli minori comunitari dell’ingresso gratuito, secondo il vigente decreto ministeriale n.507 del 1997, ha portato sempre più spesso al verificarsi di spiacevoli e imbarazzanti situazioni, non degne di un Paese che guarda all’integrazione tra i popoli e vede nel suo patrimonio culturale una delle principali risorse; una norma che contrasta inoltre con i principi della Convenzione sui diritti del fanciullo ratificata a New York il 20 novembre 1989.
In attesa di un adeguamento normativo coerente con l’ordinamento e con gli obblighi internazionali, il Ministro Massimo Bray ha dato disposizione a tutti gli uffici del dicastero di recepire immediatamente queste valutazioni, consentendo così l’entrata gratuita nei musei statali anche ai minori extracomunitari.

, funzionario ministeriale e docente universitario, ha approfondito ulteriormente la questione in un suo articolo per LeggiOggi.